egli, INTERVISTA, GIACINTO AURITI

INTERVISTA A GIACINTO AURITI
Giacinto Auriti, docente di quattro cattedre di Giurisprudenza. Cofondatore dell’Università di Teramo. Diverse pubblicazioni in materia giuridica. In questa lunga intervista ci parla del suo progetto monetario “alternativo”. La Guardia di Finanza ha eseguito degli accertamenti a scopo cautelativo. Ma non c’è dubbio, fa intendere il “vecchio” professore, che questo progetto se reso operativo, potrebbe mettere in discussione l’intero sistema economico mondiale. E’ stato lo scopo unico di un’intera vita di studi, sacrifici ed incomprensioni.

Un progetto al quale, partendo dalla dottrina sociale della chiesa, ha lavorato ininterrottamente per oltre trent’anni. Adesso Auriti, con una nomination al Nobel per l’Economia, lo ha trasformato in un fatto concreto ed operativo. Come laboratorio di partenza il professore ha scelto il suo paese, Guardiagrele, quindicimila anime ai piedi di un’imponente massiccio roccioso proprio nel cuore dell’Abbruzzo.

Prof. Auriti la Guardia di Finanza ha sequestrato i SIMEC da Lei messi in circolazione. Perché?

Perché c’è un provvedimento della procura della repubblica che ha ordinato il sequestro dei SIMEC, e hanno portato come giustificazione la violazione delle norme bancarie, che sono norme ridicole, un provvedimento assolutamente infondato perché noi abbiamo dimostrato che è valore indotto e non valore creditizio. Abbiamo esercitato un diritto come a detto Bruno Tarquini, procuratore generale di Cassazione scrivendo la sua relazione sulla materia ad un congresso tenutosi all’università. Il titolo è questo, “I SIMEC: legittimità costituzionale e legislativa dell’induzione giuridica”. Quindi si può fare.

Che motivazione daranno all’operazione di sequestro?

Questo è un sequestro preventivo direi cautelativo, perché non c’è un’imputazione di reato. Dovranno dimostrare che noi nel pieno rispetto dall’articolo 42 della Costituzione e delle leggi italiane abbiamo commesso qualche reato. Sarebbe veramente assurdo tutto ciò. Anche perché noi abbiamo fatto tutto alla luce del sole.

Che cosa succede adesso a Guardiagrele?

E come se ci avessero tirato il sangue. La liquidità sul mercato è come il sangue. Questo blocco improvviso della nostra liquidità è un fatto grave, i miei concittadini, i commercianti, si troveranno presto sull’orlo del fallimento, quindi dal paradiso sono precipitati nell’inferno per il provvedimento di un magistrato che, cosi facendo, sta di fatto uccidendo un paese. Un paese che era chiamato la piccola Svizzera, che era rinato perché tutti entusiasti dell’iniziativa. Ora è precipitato nell’impossibilità di pagare, perché se tu hai la moneta e te la tolgono e come se togliessero il sangue dal mercato. Io sono indignato per questo.

Non crede che tutto ciò abbia dei risvolti positivi, ciò è una maggiore legittimazione e attendibilità per il suo progetto?

Certo. Comunque noi gli risponderemo per le rime, perché noi abbiamo ragione da vendere. Noi abbiamo avuto un magistrato che non è informato sul valore giuridico del SIMEC.

Dopo anni di teoria e di studio Lei era riuscito a rendere operativo un progetto che lo stesso sindaco di Guardiagrele l’aveva definito una Rivoluzione copernicana. Ci sarà da parte sua un nuovo tentativo?

Questa è una rivoluzione che non si ferma più per una ragione molto semplice: perché è vera. E poi perché è scientificamente inconfutabile. La moneta deve essere di proprietà del popolo non della banca, oggi la banca emette la moneta prestandola ai cittadini; siccome prestare è una prerogativa del proprietario, si appropria il valore monetario creato dai cittadini, quindi deve accreditare; e allora questo principio è talmente forte è talmente valido che nessuno lo può contestare. Sembra utopia ma non è utopia. Sul piano scientifico l’utopia non esiste. Se ti avessero detto un secolo fa che si andava sulla luna l’avresti preso per matto. La stessa cosa il principio della proprietà popolare della moneta. Dunque, noi da questo punto di vista siamo tranquilli, superata questa fase del sequestro, che noi consideriamo un episodio meramente marginale rispetto alla logica della scuola che noi stiamo portando avanti sul piano della moneta. Be superato questo, si affermerà in tutto il mondo perché i popoli preferiranno essere proprietari piuttosto che debitori dei loro soldi. Oggi tutti i popoli sono poveri perché hanno un debito pari a tutto il loro denaro, perché all’atto dell’emissione la banca centrale emette moneta solo prestandola, mentre dovrebbe accreditarla e non addebitare. Ecco, questo è quello che noi sosteniamo.

Il comune di Guadiagrele è stato reso famoso grazie a Lei per questo motivo, anche se l’amministrazione non ha preso parte all’iniziativa. I comuni di tutta Italia possono entrare nel merito di un “sistema monetario autonomo”?

Eccome! Lo abbiamo scritto sulla moneta SIMEC, ossia Simbolo Econometrico convenzionalmente accettato nei comuni collegati e collegabili a norma della legge che collega i comuni per scopi sociali. Non solo, lo abbiamo detto anche nella scritturazione apposta sul SIMEC, noi abbiamo affermato che questo è emessa in attuazione del secondo comma dell’articolo 42 della costituzione che sancisce l’accesso alla proprietà per tutti. Quindi è la costituzione che dice di creare un diritto della persona con contenuto patrimoniale, e il contenuto patrimoniale noi lo creiamo con i SIMEC, quindi non diamo come contenuto economico beni di consumo o beni programmati dai vertici politico economici come nei paesi socialisti, ma diamo ai cittadini il denaro per comprarli, in modo che il cittadino quando spende sceglie i beni che vuole consumare. Ecco il principio della proprietà popolare della moneta che è il reddito di cittadinanza. E questo significa anche rispettare le linee della dottrina sociale della chiesa; ad esempio la “Renum Novarum” essenzialmente si basa su due parole: tutti proprietari. E noi lo facciamo con i SIMEC perché sono diventati moneta locale, quindi hanno valore indotto, e allora, diamo al cittadino il denaro per comprare quello che vuole.

Cosi fosse, il progetto monetario da Lei concepito è destinato ad estendersi a macchia d’olio non solo in Italia ma in tutta Europa?

Infatti! Anche in America ne parlano. Mi ha telefonato un’Agenzia giornalistica americana, perché anche loro vogliono essere proprietari dei dollari che oggi appartengo alla Federal Reserve Bank, come il popolo inglese vorrà la proprietà della Sterlina che appartiene alla Banca d’Inghilterra fino ad arrivare ad un principio universale: ogni popolo proprietario della sua moneta, per rispondere così alla globalizzazione.

Come lo spiega alle Società per Azioni che battono moneta?

Be questo e lo stesso linguaggio che uno può avere col cane che non vuole mollare l’osso. Hanno senza averne il diritto la proprietà della moneta che hanno usurpato con l’avvento dello Stato costituzionale. La cosa più grave che è successa con la rivoluzione francese è stata la moneta nominale, e la Banca di Francia, che è stata la malattia che ha poi invaso tutto il mondo perché hanno tolto la sovranità monetaria al potere politico, per darla al vertice delle alte logge che noi ben conosciamo. E allora, in questa situazione noi vogliamo contrapporre alla proprietà di banca la proprietà di popolo. Ecco perché tutti i popoli sono con noi; noi gli facciamo una domanda elementare: volete essere proprietari o debitori dei vostri soldi? All’atto dell’emissione la banca d’Italia stampa e presta mentre deve stampare e accreditare. Quando stampa e presta carica il costo del denaro del 200 per cento, quindi fa usura.

Come lo avete definito questo progetto?

Lo abbiamo chiamato “Democrazia Integrale” perché la parola democrazia vuol dire sovranità al popolo. Questo a noi sta bene, però il popolo deve avere la sovranità monetaria, cioè la proprietà della moneta all’atto dell’emissione, altrimenti il popolo sarà costituito solo di camerieri dei Banchieri.

Sta subendo pressioni personali data la delicatezza dell’argomento?

No, devo dire di no, l’unica cosa che sto constatando e che prendono questi provvedimenti cosi, senza alcuna logica. Questo di per se è molto strano. Però sa una cosa?

Cosa professore?

Ho avuto una soddisfazione morale, quando è andata via da casa mia la Guardia di Finanza, ho notato che c’era tutto il popolo in piazza. C’è stato uno scroscio d’applausi che mi ha veramente commosso, E questo sa perché? Perché coi SIMEC gli ho raddoppiato la pensione. E’ venuto anche un giornalista a vedere com’è la realtà. Be, uno gli ha detto, “guardi io prendo settecento mila lire di pensione il mese, prima non campavo, ora invece campo bene.

Capisce? La gente ha toccato con mano, tutto qui. Noi vogliamo solo attuare l’articolo 42 della costituzione che avrebbero dovuto attuarla i governi che si sono succeduti e la Banca d’Italia. E quelli non l’hanno fatto, perché a chi ha la pancia piena poco importa di chi ha la pancia vuota.

Scusi professore, non vorrei entrare nel merito della sua teoria ma può spiegarci come funziona?

Il cittadino viene e cambia il SIMEC alla pari con la lira. Poniamolo cosi: uno deposita centomila lire e prende in cambio centomila SIMEC. I centomila SIMEC in mano alla persona che effettua il cambio diventano duecentomila cioè il doppio, perché il SIMEC per convenzione vale il doppio della lira, e siccome lui l’accetta e accetta anche di partecipare alla convenzione nasce un valore convenzionale che non ha riserva. Il SIMEC è senza riserva: come il francobollo d’antiquariato.

Si spieghi meglio?

Il cittadino va dal commerciante a fare la spesa e quest’ultimo accetta i SIMEC per il doppio perché vale il doppio. Quando vengono da me a fare il cambio, io li cambio per il doppio, perché tutti quanti lo accettano per il doppio.

E la differenza chi la paga?

Qualcuno afferma che non ho i soldi per fare fronte poi al pagamento della differenza. Ma il SIMEC non è una cambiale con la quale si estingue un pagamento. La cambiale si paga e poi si strappa, il SIMEC invece resta in circolazione perché ha già un valore. Se io non pago la cambiale sono inadempiente. Invece io le monete le cambio, ma non è l’obbligo di un debitore, è solo l’obbligo di chi cura una convertibilità punto e basta. La stessa cosa potrebbe essere con i dollari: supponiamo un cheque, se io non ho le lire sufficienti, effettuo il cambio per metà in lire e per metà in dollari e la stessa cosa vale per i SIMEC, perché i SIMEC sono già un valore indotto, cioè ho in mano il valore monetario, cambio la parte che gradualmente posso cambiare. E allora cosa avviene, che per effetto della velocità di circolazione, che potremmo definire come una dinamo, arrivo a cambiare rapidamente al doppio. Cioè quanta è la velocità tanta e l’energia (valore) prodotta. Le banche funzionano cosi, solo che lo fanno col 10 e anche col 15 per cento. Io lo faccio al 50%.

Che significa?

Significa che la banca con il 10% 15% tiene fronte ad un’esposizione debitoria del cento per cento. A me quello che interessa è la convertibilità, cioè quello che è avvenuto qui a Guardiagrele.

Che differenza c’è tra valore indotto e valore creditizio?

Il valore indotto è creato dalla convenzione, il valore creditizio è commisurato al valore del bene oggetto del credito.

Avete stabilito dei giorni per la convertibilità? No, chi viene da noi lascia le lire e prende i SIMEC, lascia i SIMEC e ritira i soldi, e questo avviene continuamente, tutti i giorni.

Come reagisce la gente?

La gente è entusiasta perché qui è rinata Guardigrele. Quando è entrato sul mercato il valore indotto del SIMEC è ritornato il sangue nell’economia.

E i commercianti?

I piccoli commercianti sono rinati. La gente invece di andare negli Ipermercati va dai piccoli negozianti a comprare. Tanto che la grande distribuzione se ne accorta subito, eccome, perchè hanno visto calare le vendite.

Visto lo spirito con il quale nasce, l’iniziativa è rivolta solo ai piccoli commercianti, o all’intero organismo produttivo?

Solo per piccola e media impresa, perché per la grande distribuzione e le multinazionali, noi non siamo disponibili, e l’ho detto subito. Io voglio salvare la piccola e media impresa che è strozzata da questo mondo di grande capitale che basa, come noi sappiamo, sulla moneta-debito emessa dalle banche centrali. Questo noi l’abbiamo dimostrato nelle Università.

Che cosa farete adesso?

Aspettiamo fiduciosi perché noi abbiamo dalla nostra la legge. Per adesso l’importante è stato rompere il ghiaccio, e abbiamo dimostrato che senza avere riserva possiamo creare convenzionalmente valore indotto. E come un francobollo d’antiquariato.
Inoltre il SIMEC può essere abbinato alla lira.
Quindi non c’è incompatibilità tra la lira e il SIMEC: anzi aumenta il potere d’acquisto.
E siccome e valore convenzionale, e prodotto interno lordo.
ILFOGLIANESARO17/1/2007, 15:36


ANCORA VIDEO SU SIGNORAGGIO


http://www.youtube.com/v/Idql6gzDMQs

http://www.youtube.com/v/VA3Bmqlhu1I

http://www.youtube.com/v/cE59uMUm0vU

-----------------------------------------
Io, Lorenzo Scarola, come ministro e rappresentante di Dio dichiaro che le maledizioni e la condanna di Dio, sono senza appello e scendono su chiunque, a qualsiasi titolo, non si impegna a far crollare questo sistema diabolico delle banche centrali e della moneta debito e il conseguente crimine di signoraggio.
Ecco, in breve la situazione finanziaria del mondo:

1- gli "illuminati" o satanisti, sono 60 famiglie (per lo più di banchieri ebrei), questi hanno il 50% della massa monetaria visibile del mondo! Come? Attraverso la riscossione del debito pubblico e attraverso le multinazionali, il monopolio dell'energia, della chimica, delle armi, delle banche!

2- hanno anche il doppio, di tutta la massa monetaria visibile nel mondo. Come? Mettono in passivo la carta colorata (banconote), in attivo i titoli di Stato che il governo emette per pagare le banconote e quindi chiudono il bilancio a zero!

3- La conseguenza è che: 60 famiglie di satanisti detengono i tre quarti (¾) della ricchezza del mondo e della potenza istituzionale (massoneria), valore che è simile al calcolo dello scienziato Giacinto Auriti che porta la quota della ricchezza di questi banchieri almeno al 270% di tutta la potenza finanziaria spendibile del mondo!

xxxxxxxxxxxxxxx

Storiografia scientifica del signoraggio bancario

Studio monografico a cura del prof. Scarola Lorenzo

liberamente riproducibile, purché senza finalità lucrative e con l'obbligo della citazione della fonte:

http://ilcomandamento.blogspot.com

SEMPRE IN ORE SERALI:
3293614092 cell. Wind
3205708054 cell. Vodafone
lsbetlemme@gmail.com

fedele339 ---- Skipe
http://ilcomandamento.blogspot.com

http://ilcomandamento.blogspot.com

http://metafisica.altervista.org




Io, Lorenzo Scarola, come ministro e rappresentante di Dio dichiaro che le maledizioni e la condanna di Dio, sono senza appello e scendono su chiunque, a qualsiasi titolo, non si impegni a difendere la piena sovranità nazionale e far crollare questo parassitario sistema truppa (1 euro a te e 2,70 euro alle banche centrali) della moneta debito e il conseguente crimine di signoraggio che ci rende schiavi e sudditi di poteri occulti.



“In quel popolo dove, anche alcuni cervelli sono di valore, non c'è bisogno di ricorrere alle armi, ma dove la massoneria ha ridotto al silenzio anche la religione e ha occupato ogni spazio possibile ed impossibile, ecco che allora, solo le armi possono parlare!”




Pubblicato da tutto per Lui o contro di Lui: A e W a 10.21
Etichette: ISRAELE: storia
http://picasaweb.google.com/lorenzoscarola

http://picasaweb.google.it/lh/photo/RuLxF3HRM2AkHve8bzZzBw

Da RE_e_REGNO


CHI DIFENDE IL MALE anche occultandolo è FIGLIO del MALE e del MALIGNO!
CHI può FARE UN GESTO E NON LO FA, NON SOLO è UN COMPLICE DEGLI STESSI CARNEFICI, sto parlando di quelli del signoraggio bancario, CHE SENZA VERGOGNA E SENZA DIGNITà STANNO MASSACRANDO e distruggendo il genere umano!

NESSUNO PUO' DIRE "non mi riguarda, ecc..." !

LE "CHIACCHIERE" NON FANNO LE OPERE, ANZI, LE DISTRUGGONO....
... L'INFERNO è LASTRICATO DI "BUONE INTENZIONI", pertanto agisci ora!

http://ilcomandamento.blogspot.com


Sono la mamma di Adriana e desidero vivamente che mia figlia prenda parte alla vostra iniziativa.
Se è vero che “non di solo pane vive l'uomo”,
ma bisogna nutrire anche la mente con nozioni e conoscenza,
anche il nostro cuore ha bisogno di essere nutrito per non avvizzire,
per non essere insensibile.
Solo il “VERBO” del Signore lo può far fiorire e rabbonire.
La ringrazio per infondere nei cuori dei nostri ragazzi: "Speranza e Amore”.
La saluto in attesa di poterla ringraziare di persona M. De T.

http://ilcomandamento.blogspot.com

15-10-2008

12/09/2013 12:29
SIRIA
Frate francescano: "Una speranza per i siriani sotto la guerra". Appello della Custodia di Terra Santa
Per p. Halim, ex provinciale della Custodia in Siria, la situazione è sempre più difficile: "I villaggi si svuotano. Ad Aleppo e nell'Oronte centinaia di migliaia di persone sopravvivono da mesi senza elettricità, acqua, gas. Chi fugge è rassegnato a non fare mai più ritorno. I nostri frati lavorano ogni giorno con queste persone, senza distinzione di fede, e cercano di convincerli a restare".


Beirut (AsiaNews) - "La guerra in Siria spinge ogni giorno migliaia di persone a fuggire dalle proprie abitazioni e dal Paese. La maggior parte dei profughi e dei rifugiati interni ed esterni pensa che non potrà mai più fare ritorno nei propri villaggi. Chi è fuggito in Libano cerca di emigrare in Europa o in altre nazioni. Grazie alle donazioni diamo speranza ai siriani per convincerli a restare. La Siria, culla del cristianesimo e simbolo di unità fra cristiani e musulmani, rischia di scomparire". E' quanto afferma ad AsiaNews p. Halim, missionario francescano della Custodia di Terra Santa ed ex provinciale della Siria. Il sacerdote lancia un invito a tutti i cristiani a rispondere all'appello lanciato da Ats pro-Terra Sancta, l'organizzazione non governativa della Custodia, a favore della popolazione civile.
Per p. Halim la situazione è sempre più difficile per i cristiani e per tutta la popolazione, che in aree come Aleppo e i monti dell'Oronte non hanno più acqua, elettricità, gas e rischiano di morire di fame. Il sacerdote spiega che nemmeno i suoi confratelli riescono a comunicare con l'esterno e vivono questo dramma insieme alla gente. "I nostri frati - spiega - lavorano ogni giorno con queste persone, senza distinzione di fede per sostenerli sul piano economico e spirituale. I francescani non fanno politica e aiutano le famiglie bisognose, che hanno perso, tutto sostenendole e all'interno della Siria e fuori dal Paese, ospitando i senza tetto nei conventi".
Nonostante la guerra, i bombardamenti e le minacce degli estremisti islamici, sono 11 i frati francescani che hanno scelto di restare in Siria per prendersi cura della popolazione ad Aleppo, Damasco, Azizieh, Lattakiahe e Kanyeh.
Nel lanciare l'iniziativa p. Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa, ha dichiarato: "La questione siriana è delicatissima e i civili sono inermi davanti alla ferocia di quanto sta accadendo; la preghiera è uno strumento indispensabile ma è urgente sostenere la popolazione, sfiancata dal massacro, con un aiuto concreto. Chiedo a chi può, oltre a pregare, di  mandare aiuti. Non materie prime -  è inutile perché  non possono entrare - ma il denaro necessario per comprare (purtroppo anche al mercato nero), ciò che serve per vivere a tantissime famiglie, soprattutto le più povere".

Di seguito le modalità di donazione per sostenere i francescani nel loro lavoro in Siria:
° 150 euro per sostenere una famiglia di tre persone per 2 settimane
° 500 euro per aiuti umanitari a 3 famiglie di un campo profughi per 3 settimane
° 1000 euro per il sostentamento della mensa per i più poveri per 1 mese
Le donazioni vanno effettuate sul conto:
ATS - Associazione di Terra Santa
Banca Popolare Etica - IBAN: IT67 W050 18121010 0000 0122691
BIC CODE: CCRTIT2T84A
 Causale: Emergenza Siria.