la decima




IL PIANO DI DIO PER L’AMMINISTRAZIONE DEI BENI



Matteo 25:14-29



1° Introduzione di una mia collaboratrice che versa la decima: Come figli di Dio, dobbiamo sapere ciò che la Parola di Dio ci insegna riguardo l’uso e l’amministrazione dei nostri beni. L’uso del danaro è d’una importanza vitale, perché tale uso deve essere svolto per la Sua gloria, e la nostra benedizione come membri della Sua famiglia.

2° Introduzione, certamente oggi non avrei questo livello di fede, se non mi fossi allenato a dare la decima: anche io ho parlato della decima su http://fedele.altervista.org e altrove, insomma, per essere sintetico devo dirvi che funziona veramente, se nel giro di pochi anni il mio patrimonio immobiliare è più che raddoppiato. Chiaramente il mio ministero ha bisogno di essere sostenuto e per motivazioni strategiche, il nemico non deve sapere delle risorse finanziarie che già sono a nostra disposizione. Ma, molti problemi, anzi tutti i problemi vengono risolti attraverso la cessione a Dio JHWH della decima parte del proprio reddito, poiché chi opera così, lo può fare solo con gioia interiore indicibile e se ha una vera fede e come ho già dimostrato nessun investimento potrà mai essere produttivo a questi livelli. Investire in questo ministero, significa depositare nella Banca del Regno di Dio e questo porta rendimenti incredibili e dinamici.

IBAN : IT33E0358901600010570347584(non detraibili)
Postepay n°
4023-6004-5553-6625(non deducibili)
Stai al mio fianco ed entra gloriosamente, nella storia del genere umano!

Domanda Fondamentale: A chi appartiene tutto quello che tu hai???

Leggiamo questi Testi: Genesi 1:28-31; Genesi 3:21; Levitico 25:23; Deuteronomio 10:14; Salmi 24:1; Salmi 50:7-12; Luca 14:33

Allora: Come Rispondi alla Domanda?

I – DIO, IL PADRONE DI TUTTO QUELLO CHE ESISTE ci ha comprati con il suo sangue apparteniamo a lui e nulla è nostro, ma ci è solo concesso in comodato gratuito con l'obbligo della decima, da destinare all'opera della evangelizzazione.

Si crediamo nelle Scritture dobbiamo essere d’accordo su questo. Il piano di Dio fu quello di permettere a noi di usare tutto ciò che Lui ha creato. Lavoriamo con materiali di Dio: Petrolio, ferro, legno, metalli, cemento, sabbia, animali, vegetali, acque (per bere e produrre elettricità), terra di coltivatori, ecc, ecc… E anche quello che non è materiale: IL Tempo!!!

Noi lavoriamo tutti questi beni, li trasformiamo per il nostro benessere, ma non dimenticare a Chi appartengono. Dio li ha messo nelle nostre mani e ci ha donato intelligenza e creatività, siamo creati a sua somiglianza, per il nostro sostegno e profitto.

Quindi, non è un fatto di fede ma d’onestà riconoscere che tutto ciò che hai è stato creato da Dio; appartiene a Lui, è il vero Padrone in origine.

Alimenti, vestiti, mobili, scarpe, macchine, ecc. Tutto è Suo; e mai ha rinunciato ai Suoi diritti!!!

E che cosa diciamo a riguardo del denaro? E’ la trasformazione del nostro lavoro, che in uguale maniera, è la trasformazione del nostro tempo. E noi lo ri-trasformiamo in altri beni. Ma renditi conto che senza i materiali creati da Dio… non avresti lavoro!!!!! Lo hai mai pensato?

II – DIO IL PADRONE…… E IO…..: COSA SONO IO ???

Quando compro qualcosa mi fanno una ricevuta dove c’è scritto il mio nome, quindi, è mio”. Ma, è tuo? Si !! E’ tuo !! Ma nel rapporto fra gli uomini Nel discorso terreno! Ma nel rapporto con Dio NO. Perché abbiamo detto prima che tutto appartiene a Dio. Quindi cosa sono io? Sono il Suo amministratore !!! Amministratore dei Suoi beni. Deuteronomio 8:11-20

AMMINISTRATORI DEI SUOI BENI

Riceve Quando partiremo dovremmo

L’AMMINISTRATORE Amministra lasciare ogni bene dove Dio le

Rende aveva messo: In Terra!



Nessuno fugge a questo: Tu, sei già amministratore, non è qualcosa che puoi scegliere, lo sei già.

Soltanto si può decidere di essere un bravo o cattivo amministratore.



DIO, DA PADRONE, HA DIRITTO DI SEGNALARE DUE COSE:

  1. Adoperare i Suoi Beni: Traendo profitto per il Suo Regno – Matteo 25:27

  2. Il nostro Salario: Deuteronomio 14:22-23; Levitico 27:30-32



Dio ha stabilito che la nostra responsabilità nei Suoi confronti

Riguardo ai beni, consiste nel donare decima ed offerta.

Malachia 3:6-12



III – LA DECIMA

La decima, è il 10% di tutte le nostre entrate; è un modo pratico che dimostra, attraverso la ubbidienza di chi lo fa, la riconoscenza che tutto appartiene a Dio.

Donare la decima non è un atto di bontà, ma d’onestà.

Dio ha stabilito l’obbligo a riguardo del donare la decima, perché si tratta di denaro che appartiene a Lui. Viene usato per coprire le spese per il sostegno dei ministri di Dio.



Il Signore dice: “Utilizza tutto ciò che m’appartiene, lavora con tutto quello che Io ho creato. Di tutto quello che produrrai il 90% è tuo ed il 10% è mio”. Questo è LA DECIMA!!!



LA DECIMA è PROPRIETà DEL SIGNORE, PERCIò,

LA DECIMA NON SI DONA SI DA.



CHE COSA HA COMANDATO DIO A RIGUARDO DELL’USO DELLE DECIME



  • Numeri 8:14,16 I ministri di Dio sono “proprietà” del Signore

  • Numeri 18:8,21 Le decime sono per i ministri

  • Nehemia 10:32-37 Vengono usate per il sostegno dei ministri di Dio

  • Aggeo 1:4-11 Quando non viene fatto si trascura l’Opera di Dio

  • Luca 11:42 Gesù gli diede validità

  • Matteo 10:10; Luca 10:7 Gesù comandò il salario per i suoi ministri

  • 2 Corinzi 8:1-5 Cercavano la opportunità per donare di più

  • 1 Corinzi 9:4-6; 7-14 Gli apostoli ricevevano il loro giusto salario dalla Chiesa



IV – LA OFFERTA

La offerta, è un atto di gratitudine del cuore dell’offerente. Non ha un peso d’obbligo, deve essere fatta da ciascuno con cuore. La offerta viene destinata a coprire le spese del ministero: Spese di costruzione, manutenzione, utensili, strumenti, aiuto ai bisognosi.



CHE COSA HA COMANDATO DIO A RIGUARDO DELL’USO DELLE OFFERTE

  • Esodo 25:1-2 Le offerte sono volontarie

  • Esodo 35:4-5,24,29 Ognuno donava d’accordo a ciò che poteva

  • Esodo 36:3-7 I figli di Dio donavano di tutto cuore

  • Numeri 18:29 Le offerte dovevano essere il meglio

  • 1 Cronache 29:2-9 L’esempio del re Davide e dei principali ministri

  • 1 Cronache 29:17-18 L’offerta è un atto di giustizia

  • Nehemia cap. 9 e 10 Un grande esempio

  • Esdra 1:2-4 Chiamata ad offrire per costruire il Tempio di Dio

  • Esdra 6:7-8 Offerte usate nella costruzione del Tempio

  • Marco 12:41 Gesù giudica il cuore di colui che dona

  • Giovanni 12:4-6 Gesù riceveva delle offerte

  • 2 Corinzi 9:6-13 Gli apostoli insegnavano a donare. Dio era glorificato.



Così Dio prospera e benedice i Suoi figli; ma questi possono fermare l’avanzamento dell’opera di Dio, e la realizzazione dei Suoi piani per la città. Come? Non donando come è ordinato.



V-ANALIZZIAMO COSA DICE MALACHIA 3:8-12



Cosa Succede con Quelli che Non Onorano Questo Comandamento?

La decima è denaro di Dio. Con questo denaro che Gli appartiene, il Signore regge la Sua Chiesa,l’interesse dell’opera. Il Signore chiama ai Suoi servitori all’opera e paga il giusto stipendio. Come lo fa?

CON IL SUO DENARO, MAI COL TUO !!!

Non sei tu che paghi il Pastore, tu non dai il tuo denaro al Pastore; è Dio che paga i Suoi servitori con il Suo denaro.



Dobbiamo fare Attenzione: Si la Chiesa non ha risorse economici per fare la sua opera, non è perché Dio è rimasto senza soldi, ma perché i soldi di Dio sono …. Nelle tasche dei Suoi figli.

Dio ha stabilito che la sua chiesa abbia dei fondi sufficienti per portare a compimento il suo obiettivo. Detti fondi provengono dalla benedizione che il Signore stesso dona ai suoi figli.



La Chiesa NON PUO’ crescere senza risorse.



Non è la chiesa a pagare il sostegno, il salario, di un pastore; ma Dio stesso attraverso il Suo denaro: E’ il Signore che dà il salario ai Suoi servitori che ha chiamato alla Sua opera; e lo fa col Suo denaro, cioè, quello che proviene dalla decima che i Suoi figli danno fedelmente. Questo è denaro di Dio, secondo quello che dice Malachia 3:8-12.

Per questo, non dovrebbero esistere chiese che non hanno risorse; il problema è che il denaro che appartiene Iddio non si trova nella chiesa, ma nelle tasche dei figli infedeli !!!



VI – DOVE PORTARE LA DECIMA Malachia 3:10

Dove il Padrone comanda. Dove la chiesa si raduna, dove tu “mangi spiritualmente”.

# No dove io voglio.

# No a chi io voglio.

Ci sono dei cristiani che dicono: “Io la decima la dono alla ricerca per la cura delle malattie”

Gesto molto nobile !!! Ma lo devi fare col tuo denaro, non che decidi tu cosa fare col denaro di Dio !! Il denaro di Dio viene usato per stendere il Suo Regno sulla terra. Io non posso decidere il destino dei beni di un altro.



CONCLUSIONE

Abbiamo una visione da compiere. Tutti siamo protagonisti dell’opera di Dio nella nostra città. Che tale opera possa crescere, dipende dalla fedeltà di ognuno di noi. Tutti i materiali che vengono usati per fare funzionare l’opera di Dio, come: Fotocopie, inchiostro, stampe, depliants, copie del Nuovo Testamento, strumenti musicali, computer ed accessori, fogli, carta, buste, apparecchiatura, luce, riscaldamento, spese di telefono, libri, materiali per insegnamenti, ecc., viene fatto attraverso la fedeltà di coloro che hanno imparato di dare a Dio quel che appartiene a Iddio. Il Signore promette che ci benedirà abbondantemente nel piano materiale se siamo fedeli a Lui; anzi, Malachia 3:8-12 è l’unico passo che si trova nella Bibbia dove Dio ci sfida a metterlo alla prova in questo. La prosperità materiale è una parte fondamentale della vita cristiana. Anche in questo, nel fatto che siamo prosperati facciamo vedere al mondo la realtà di un Dio reale che si prende cura di noi. Abbiamo capito, per davvero, ciò che dice Malachia 3:8-12 ???



“…L’uomo può forse, derubare Dio? Eppure voi mi derubate. Ma voi dite: “In che cosa ti abbiamo derubato?”. Nelle decime e nelle offerte. Voi siete colpiti da maledizione, perché mi derubate, voi, tutta quanta la nazione! Portate tutte le decime alla casa del tesoro, perché ci sia cibo nella mia casa; poi mettetemi alla prova in questo, dice il Signore degli Eserciti: Vedrete se io non vi aprirò le cataratte del cielo e non riverserò su di voi tanta benedizione che non vi sia più dove riporla. Per amore vostro, io scaccerò l’insetto divoratore affinché esso non distrugga più i frutti del vostro suolo, la vostra vigna non sarà più infruttuosa nella campagna, dice il Signore degli Eserciti…”




Quindi, non c’è ragione per cui la povertà possa colpire i figli di Dio. Le promesse che il Signore ci da, sono chiare. Potrebbe accadere che, qualcuno, tiene quello che appartiene al Signore e; così facendo, realizza come se ha un contenitore bucato: riceve, ma, così come riceve lo perde e, potrebbe causare dei problemi all’opera di Dio.

Non succeda così con te; metti Dio alla prova: Vedrai che Lui è fedele!!!

Lo sarai anche tu???